dancalia

DANCALIA E TIGRAI  

PARTENZA CONFERMATA CON UNA GUIDA D’ECCEZIONE ANDREA SEMPLICI.

DAL 17 AL 28 NOVEMBRE

1° giorno - sab. 17 novembre:   Partenza dall’Italia
Partenza per Addis Abeba, arrivo la mattina di domenica

 

2° giorno – dom. 18 novembre:   Addis Abeba –  Kombolcha (360 km, 7-8 ore circa)

Partenza per Dessie, a nord est di Addis Abeba. La strada attraversa la campagna della regione del Wollo, visita al mercato settimanale di Sembete, luogo di incontro importante di tutte le popolazioni della regione, questo è un mercato di scambi tra le popolazioni oromo e amara.  Proseguimento e arrivo a Kombolcha nel pomeriggio. Time Hotel Sunny Side

 

3° giorno – lun. 19 novembre:  Dessie –Bati-  Asaiìyta   (350  km, 7/8 ore circa)
Partenza per Bati e visita del grande mercato del lunedì, il mercato all’aria aperta più grande del corno d’Africa, che richiama genti afar e oromo. Il viaggio prosegue poi per Asayta, la vecchia capitale del sultanato afar di Aussa: la strada scende verso la depressione della Dancalia, zona abitata dal popolo dei pastori Afar, il loro nome significa “libero”, e sono vissuti da sempre con un grande livello di indipendenza a fianco dell’impero etiopico. Sono pastori nomadi, allevatori di dromedari e capre, nonché commercianti del sale che estraggono artigianalmente nella loro regione, la Dancalia. Campo

4° giorno – mar. 20 novembre:  mercato di Asayta -  Lago Afrera (280 km strada asfaltata)
In mattinata breve passeggiata per il paese e visita del mercato, piccolo, poco conosciuto ma proprio per questo particolarmente autentico, di Asayta. Verso le 11:00 il viaggio prosegue verso il lago Afrera ( -112 m. s.l.m.) nel cuore della depressione della Dancalia. Il deserto della Dancalia si trova nel punto di incontro di tre spaccature tettoniche: il Mar Rosso, l’Oceano Indiano e la Grande Rift Valley. Il continente Africano si sta allontanando dalla penisola arabica di qualche centimetro all’anno e si sta spaccando lungo la Rift Valley con la velocità di qualche millimetro l’anno. Arrivo al lago Afrera nel tardo pomeriggio. Campo.

5°/6°  giorno – mer. 21/gio 22  novembre:  Afdera  -  Erta Ale ( 80 km  pista   18 km  trekking  all’alba)
Il lago Afrera conosciuto anche come lago “Giulietti” è un lago salato. Lungo le sponde viene pompata l’acqua e lasciata evaporare nelle saline, quello che ne deriva è un sale bianco, il migliore che viene estratto nella Dancalia. Milioni di anni fa tutta la depressione dancala era un mare che nel tempo è evaporato lasciando grandi depositi salini. Dopo Afrera la pista si snoda tra sabbia e lava in direzione del vulcano Erta Ale “monte che fuma”, ultimo di una catena di vulcani che occupano la parte centrale della depressione dancala. Passeremo per alcuni villaggi Afar fino ad arrivare alla base del trekking. L’Erta Ale è uno dei pochi vulcani al mondo ad avere una caldera di lava a cielo aperto.  Posta su una dorsale parallela al Mar Rosso, tutta la zona è interessata da fenomeni di vulcanesimo. La mattina prima dell’alba del giorno 22 cominceremo la salita fino alla cima della caldera. Il dislivello è solo 500 metri ma occorrono circa 3/ 4 ore su un sentiero tracciato nella lava, ma è di notte che lo spettacolo diviene grandioso, perché lo zampillio della lava si fa più evidente, e la caldera emana un misterioso bagliore rossastro, visibile anche da lontano. La luna quasi piena aggiungerà magia a questo scenario irripetibile. Bivacco in capanne locali sulla cima del vulcano.

 

7° giorno –  ver.  23   novembre : Erta Ale –Ahmed Ela  (110 km pista , 4-5 ore circa)

Discesa dal vulcano, colazione al campo base  e partenza per la piana del sale. La pista passa per una polverosa piana alluvionale alla cui destra si trova una catena di vulcani, di cui l’Erta Ale è quello più a sud. La piana di Dodom, nella stagione delle piogge si allaga lasciando dei pascoli verdi.  Da lì il viaggio prosegue verso il villaggio di Vaidedhom dove si produce la “dumma” bevanda alcolica estratta dalla palma dum. Breve sosta al villaggio per poi proseguire per HamedEla. Pernottamento in capanna locale.

8° giorno – ven. 23 novembre: HamedEla – Escursione a Dallol – Assobole  (20 km)

HamedEla è quasi all’estremità nord della depressione Dancala ai bordi della piana del sale che si estende fino al confine con l’Eritrea. Qui le carovane di dromedari e muli arrivano ogni giorno dall’altopiano etiopico per tornare la sera con il loro carico di pani di sale. Alla mattina presto, per evitare il caldo, arriveremo in mezz’ora alla collina di Dallol, “la collina degli spiriti”; è alta 50 metri e ampia 8 kmq e ha origine sedimentaria. Tutta la zona è interessata da fenomeni di vulcanismo secondario con geyser e pozze multicolori che variano continuamente a seconda delle piogge. In questa visita potremo ammirare anche la parte chiamata “le colonne di Dallol”, con delle suggestive formazioni saline. Sosta per pranzo e  visita della zona della cava del sale e del piccolo monte di sali di magnesio detto Assa Ale, “monte rosso”.  Qui si raggiunge la maggiore depressione della Dancalia etiopica: 116 m sotto il livello del mare.

Nel pomeriggio trasferimento al villaggio di Assobole, all’uscita dello spettacolare canyon del fiume Saba, dove potremo osservare ed ascoltare durante la notte il via vai delle carovane. Campo

9° giorno – sab. 24 novembre: Assobole (passeggiata di 3 ore nel canyon,  160   km  in 4x4  )
Partenza presto la mattina per un trekking diverso, percorreremo il canyon del fiume Saba assieme alle carovane del sale,  una impercettibile salita lungo il canyon del fiume,  che occorrerà guadare molte volte,
(livello è basso… alla caviglia) ci porterà alla base dell’altopiano. Sul fiume le carovane vanno e vengono e sostano per riposarsi e rifocillare gli animali all’ombra delle rocce. I carovanieri preparano il loro pane, la “burgutta”, cotto sulle pietre con un’altra pietra rovente al suo interno. Proseguimento in macchina  fino a  Hawsien. Pernottamento al Gheralta Lodge

10° giorno – lun. 26 novembre: Tigrai ,visita  delle  chiese  rupestri

Giornata  dedicata  alla  visita delle chiese  dell’Amba Gheralta.  La mattina  partenza dal lodge e  visita della chiesa di  DebreTsion  raggiungibile  con una camminata di   45 min  circa. Pranzo al lodge e nel pomeriggio  passeggiata  verso  la chiesa  di pianura di  Mariam Papaseity  con affreschi  del periodo  gondariano. Pernottamento al Gheralta lodge

 

11° giorno –mar. 27 novembre Hawsien – Makalle - volo per Addis Abeba

Partenza  per  Makalle e visita  lungo la strada della chiesa di  AbrahaAtsebha,  volo per Addis  Abeba  serale   con day use  e cena  in  hotel a Makalle.   Day use Axum Hotel a Makalle

La quota include: vetture 4x4 con autista guida, permessi per la zona afar, guide e scout in Dancalia, dromedari per Erta Ale, extra macchina per cuoco e staff,  tende e materiale da campeggio, tutti i pasti, acqua minerale, accompagnamento di  Andrea  Semplici

La quota non include: mance, bevande, voli interni e internazionali.

Nota importante:
L’itinerario attraversa regioni con strade che possono essere occasionalmente impraticabili a causa delle piogge. Quindi le tappe possono subire modificazioni durante il viaggio, e devono essere intese con un certo grado di flessibilità nei dettagli delle visite.